Festa di San Giuseppe, custode del Redentore

Claudia
12/03/2024
Andiamo incontro alla Santa Pasqua
26/03/2024
Claudia
12/03/2024
Andiamo incontro alla Santa Pasqua
26/03/2024

Così scriveva Sant’Annibale Maria Di Francia in occasione dell’offerta del mese di marzo al Patriarca San Giuseppe:

«O Altissimo Iddio, accettate in questo gran sacrificio della santa Messa, i meriti dell’Unigenito Figliuolo vostro che con la vostra grazia intendiamo presentarvi tutto questo mese, a lode, benedizione e ringraziamento da parte del glorioso Patriarca San Giuseppe, per la sua singolarissima predestinazione fra tutte le creature, dandogli a sposa l’Immacolata sposa dello Spirito Santo, Maria Santissima, facendolo vostro rappresentante presso il Verbo Incarnato qual suo vergine Padre, e ricolmandolo di tutti i beni di grazia e di gloria.

E Voi, o santo Patriarca, accettate questa santa offerta, e per amore della vostra Immacolata sposa, per amore dell’adorabile Bambinello Gesù, contraccambiatecela col vostro celeste favore, raddoppiate su di noi e su questi Istituti il vostro patrocinio, e mentre siete il dispensatore di tutte le divine grazie, concedeteci quelle che da tanto tempo aspettiamo per la divina gloria e salute delle anime. Amen.»

San Giuseppe è custode del Redentore, servo di Cristo, ministro della Salvezza, sostegno nelle difficoltà, patrono degli esuli, patrono degli afflitti, patrono dei poveri – dalle sette invocazioni nelle Litanie approvate da Papa Francesco.

Basterebbe prendere esempio da San Giuseppe che nell’ombra ha insegnato a Gesù a camminare.

L’amore paterno di San Giuseppe è tenerezza non imposizione, è coraggio nella salvezza comune non prepotenza nell’affermazione individuale, è accoglienza guidata dalla Provvidenza divina, è simbolo del lavoro come dignità, è obbedienza al disegno divino per la pace coniugata al rispetto.

Quale grazia chiedere a San Giuseppe se non riportare il popolo di Dio sulla via della preghiera conciliativa con sé stessi e gli altri?

«Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».

Quando si destò dal sonno,

Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore

(Mt 1, 20-21)

 

 

Comments are closed.